Fandom

Witcher Wiki

I sotterranei dei La Valette

3 032pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

"I sotterranei dei La Valette"
Capitolo Prologo
Luogo Sotterranei La Valette
Ricevuta da Automatica
Ricompensa
Tw2 map lavallettedungeon1mod.jpg

Livello I

Tw2 map lavallettedungeon2mod.jpg

Livello II

I sotterranei dei La Valette è una missione primaria e conclusiva del Prologo di The Witcher 2: Assassins of Kings. Questa missione è influenzata dalle scelte fatte nel corso di "L'attacco", dove Geralt deve scegliere se uccidere o risparmiare Aryan La Valette.

GuidaModifica

Dopo aver raccontato a Vernon Roche tutti gli eventi riguardo all'omicidio di re Foltest, il comandante delle Bande Blu decide di credere a Geralt e gli consegna la chiave delle catene in modo che possa fuggire dai Sotterranei La Valette.

La missione inizia di nuovo nella cella di Geralt. Puoi decidere di:

  • Liberarti tu stesso dalle catene, premendo click sinistro
  • Provocare le guardie, click destro

Se decidi di liberati da solo, devi affrontare entrambi i carcerieri. Il primo in un normale combattimento, ma con la sola forza dei pugni (giacchè Geralt non ha armi con sé). Il secondo, nella modalità lotta, con l'uso dei tasti WASD.

Dungeons-of-la-valette-007.png

Se decidi di provocare le guardie dovrai affrontarne una sola con la lotta in WASD. Questa è la tua prima esperienza di combattimento a mani nude nel gioco.

Quando hai eliminato le guardie, raccogli la chiave della prigione dal corpo di una di esse e prendi gli oggetti dalla rastrelliera delle armi: un Manganello, delle pozioni, dei Guanti di cuoio logori. Dirigiti verso l'uscita e spegni le torce per guadagnare un po' di copertura. Incontri subito una guardia che scende le scale in tua direzione. Puoi cercare di nasconderti e poi colpirla alle spalle, premendo click destro. Oppure puoi affrontarla direttamente dopo aver attirata nella stanza precedente. Usa i segni per effettuare un colpo critico.

Nota: si consiglia di evitare il più possibile di affrontare le guardie in corpo a corpo! Meglio nascondersi cercando di sgattaiolare furtivamente dietro di loro, oppure stordirle alle spalle con click destro.

Giunto in cima alle scale, un'altra guardia sulla sinistra avanza in direzione di Geralt con una torcia in mano. Nasconditi dietro l'angolo e poi colpiscila alle spalle.

Dungeons-of-la-valette-006.png

A questo punto, hai due possibili percorsi davanti a te:

  • Entrare nella porta di fronte, che conduce ad una botola sul pavimento, 2A (percorso "Camera di Tortura")
  • Preseguire nel corridoio a sinistra, evitando le guardie, fino al punto 2B (percorso "Standard")

Camera di Tortura (2A)Modifica

Per aprire la botola, che è chiusa a chiave, gira nella stanza a destra, dove trovi altre due guardie che importunano una prigioniera. Stendile colpendole alle spalle. Se fai in fretta, non si accorgeranno di te e non sarai costretto ad affrontarle. Raccogli la chiave arrugginita da una di queste e poi dirigiti alla botola. Scendi nel livello inferiore. Raccogli una giusarma, che trovi tra le macerie nel tunnel. Ad un certo punto, giungi ad una fessura che puoi usare per sbirciare all'interno ed assistere alla tortura di un prigioniero:

  • Se hai ucciso Aryan La Valette: La baronessa Marie Louise è incatenata al muro. Il torturatore sta cercando di farle confessare che i due figli avuti con Foltest in realtà sono frutto di un incesto, con il figlio Aryan.
  • Se hai risparmiato Aryan: Aryan è incatenato al muro e viene torturato nella speranza di ottenere la stessa confessione.

Più avanti puoi arrampicarti in una breccia e calarti nella sala di tortura. Stordisci lo scriba, colpendolo alle spalle. Purtoppo sei costretto ad affrontare il torturatore, il che è un combattimento piuttosto difficile. Puoi usare la giusarma che hai trovato nel tunnel subito dopo essere sceso dalla botola, oppure dovrai affrontarlo con il solo manganello e l'uso dei segni. Usa Aard oppure Yrden e Igni, forse l'arma più efficacie che hai al momento. Dopo che lo hai ucciso, libera il prigioniero (Aryan o la baronessa) con il quale pianifichi un piano di fuga dalle prigioni.

Baroness-01.png
  • Se hai risparmiato Aryan: il cavaliere dice che dovrai aprire la strada da solo, liberandoti delle guardie, perchè è troppo debole per aiutarti. Caricatelo sulle spalle e portalo con te attraverso l'uscita dalla sala di tortura (4) fino al livello superiore, da cui sei partito. Quando avvisti delle guardie nei paraggi, posa Aryan in un angolo, occupati di loro e poi prosegui. Non è possibile purtroppo passare inosservato con Aryan sulle spalle.
Raggiungete infine una stanza piena di barili di olio (5). Il giovane cavaliere appicca fuoco al castello e qui si separa da Geralt. Corri verso la porta di uscita dal sotterraneo (7).
  • Se hai ucciso Aryan: dopo averla liberata, la baronessa ti domanda che cosa è accaduto al figlio Aryan. La conversazione viene interrotta dall'arrivo dell'ambasciatore Shilard Fitz-Oesterlen, che intende fare un accordo con lei. Shilard si offre di aiutarti a fuggire. Puoi accettare o rifiutare (assolutamente sconsigliato!). Prima di lasciare la baronessa, Geralt le racconta che cosa è accaduto al figlio. La baronessa lo ringrazia per la sua sincerità. Se accetti l'offerta di Shilard, seguilo fino all'uscita della sala di tortura (4) e attendi che abbia distratto e attirato le guardie lontano. Poi passa furtivamente alle loro spalle e dirigiti in fretta verso l'uscita dal sotterraneo (7).

Percorso Standard (2B)Modifica

Dungeons-of-la-valette-002.png

Prendi il corridoio di sinistra e nasconditi attendendo che la guardia si siano allontanate. C'è un prigioniero in una cella a sinistra che appena vede Geralt, inizia a gridare. Devi calmarlo premendo click sinitro fino a riempire la barra gialla. Se ci riesci, le guardie non accorreranno sul posto. Prosegui con molta attenzione fino ad un altro incrocio (2B) dove assisti ad una scena:

  • Se hai risparmiato Aryan: le guardie aprono una cella e trascinano fuori Aryan La Valette, ferito e incatenato. Il giovane riesce a liberarsi di esse, colpendole. Parlando con lui, Geralt si accorda per lasciare con il suo aiuto il castello. Purtoppo il giovane è debole, per cui dovrai accompagnarlo sulle tue spalle. Per evitare le guardie, devi posare prima in terra Aryan. Stordiscile e quando la strada è libera, riprendilo sulle spalle e prosegui. Quando infine giungete ad una stanza piena di barili di olio (5), il cavaliere appicca fuoco al castello e si separa dal witcher. Corri dunque verso l'uscita (7).
  • Se hai ucciso Aryan: le guardie portano fuori dalla prigione la baronessa Maria Luisa La Valette che è appena stata stuprata da un prigioniero. L'ambasciatore Shilard la incontra dicendo che intende fare un accordo con lei, offrendole la protezione dell'Impero. I due si allontanano poi in un corridoio a sinistra, scortati da alcuni soldati nilfgaardiani. Evita le guardie (questa parte del sotterraneo è particolarmente difficile, perciò devi avere molta pazienza e fare molta attenzione al giro che le guardie fanno, prima di procedere. Puoi stordirne qualcuna per facilitarti) e dirigiti ad una piccola stanza (6) dove la baronessa e Shilard sono a colloquio. Geralt interviene e la baronessa chiede all'ambasciatore di aiutare il witcher a fuggire dal castello. La donna chiede anche che cosa ne sia stato di suo figlio Aryan. Segui Shilard e nasconditi dietro un angolo, attendendo che l'ambasciatore abbia distratto le guardie attirandole lontano e aprendoti la strada verso la libertà (7).

Finalmente fuori dalle prigioni del castello Geralt si ritrova su di un molo.

  • Se hai detto a Pivello che l'amuleto non è magico: Geralt incontra Pivello, vestito di un'armatura al completo, che ti ringrazia per avergli salvato la vita e in cambio, si offre di distrarre le guardie al molo per liberarti la strada. Ti dà anche un libro sui draghi.
  • Se hai detto a Pivello che l'amuleto è magico: Geralt trova il cadavere del ragazzo, vittima di una stupida scommessa. Dai suoi resti puoi raccogliere il talismano. Devi sbrigartela da solo con le guardie, stavolta affrontandole con in mano una spada.

Una volta libero dalle guardie, raggiungi Triss e Roche che ti attendono con una barca pr salpare verso Flotsam.

Dal diarioModifica

La mia storia ha inizio dopo i fatali eventi nei quali il witcher Geralt di Rivia, anche noto come Lupo Bianco, salvò Foltest, sovrano di Temeria, da un assassino. Da quel momento, il monarca rimase sempre in compagnia del witcher, trasformandolo da uccisore errante di mostri a guardia del corpo reale, con suo crescente disagio. Tuttavia, non è mai saggio contraddire un re, perciò Geralt si ritrovò nelle terre dei La Valette, dove Foltest aveva assunto il comando dell'assedio alla loro fortezza. Il witcher sapeva bene quanto il destino può essere incostante e, puntualmente, la fortuna abbandonò il nostro eroe all'interno delle mura del castello. Per colpa di un tragico errore, Geralt venne imprigionato nei sotterranei del castello, dove fu costretto a raccontare pazientemente gli eventi delle ultime ore a Vernon Roche, il braccio destro di Foltest. Se volete conoscere gli eventi che portarono il witcher dall'apice del successo agli abissi della sfortuna, ascoltate il mio racconto...
Geralt si era ritrovato spesso nei guai, ed era stato in prigione almeno tre volte, di cui una in mia compagnia. Era sempre riuscito a uscirne grazie alla fortuna o a buoni amici, ma questa volta la situazione pareva grigia. Quasi tutti credevano che il witcher avesse assassinato il re. Fortunatamente, Vernon Roche aveva i suoi dubbi. Dopo un brutale interrogatorio, Roche lasciò la cella, ma non prima di aver aperto le manette che legavano il nostro eroe. Disse che lo avrebbe aspettato a bordo della sua nave. Geralt doveva soltanto fuggire dai sotterranei... Una sciocchezza.
Le guardie delle prigioni sono uguali in tutto il mondo: stupide e irascibili. Geralt provocò i suoi "guardiani" con la stessa facilità con cui un cuoco prepara una frittata.
Le frittate non si possono fare senza rompere le uova. La porta della cella era aperta, il witcher era libero e le guardie erano a terra. Ma altri carcerieri bloccavano la sua fuga verso la libertà, e trovare la strada attraverso i sotterranei non era cosa facile...
Aggirandosi furtivamente per i sotterranei, Geralt trovò un'altra chiave: questa volta, pendeva dalla cintura di una guardia lasciva. Il witcher non aveva idea di quale serratura aprisse, ma, seguendo il famoso detto "dove c'è una frusta, c'è una via", decise di non tormentarsi e continuò a cercare l'uscita dei sotterranei.
Se Geralt ha ucciso Aryan:
Mentre fuggiva dai sotterranei, Geralt incontrò Shilard Fitz-Oesterlen, che stava conducendo la Baronessa La Valette fuori dalla sua cella. A quanto pare, l'emissario nilfgaardiano era stranamente suo alleato, poiché non allertò le guardie. Fitz-Oesterlen proseguì con la baronessa, e Geralt si mise in marcia dietro di loro.
Quando gli amici diventano nemici, bisogna cercare alleanze tra quelli che una volta erano nemici. Fitz-Oesterlen aiutò il witcher a fuggire, allontanando le guardie. Eppure, come dimostrarono gli eventi futuri, nella diplomazia tutto ha un prezzo...
Se Geralt ha risparmiato Aryan:
La vita può essere sorprendente, specialmente quando cerchi di sfuggire alla morte. Mentre si aggirava per i sotterranei del castello, Geralt incontrò Aryan La Valette. I nemici del passato, legati dal destino, possono diventare alleati. Aryan conosceva il castello come le sue tasche, ma il witcher aveva una spada... Così andò avanti per aprire la strada.
Il witcher fuggì dalla fortezza, ma Aryan scelse di restare. L'orgoglio non gli permetteva di lasciare la tenuta della sua famiglia in mani nemiche. L'incendio che ne seguì fu argomento delle chiacchiere del villaggio per anni, e ancora oggi il detto "luminoso come la notte in cui bruciò il castello" è assai popolare nel dialetto locale.
Geralt era libero. Si affrettò verso la nave delle forze speciali, con la testa che turbinava di domande. A bordo lo attendevano Triss Merigold e Vernon Roche, ma nessuno dei due aveva risposte. Gli eventi futuri avrebbero chiarito il mistero, ma andiamo con ordine...

NoteModifica

VideoModifica

Baroness (Prison) (The Witcher 2) HD14:28

Baroness (Prison) (The Witcher 2) HD

Incontro con la baronessa (standard)

Baroness (Torture) (The Witcher 2) HD14:34

Baroness (Torture) (The Witcher 2) HD

La baronessa (tortura)

Significativi dettagli della trama finiscono qui.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso