Fandom

Witcher Wiki

In miniera

3 032pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Condividi
Tw2 map dwarvenmine mod.jpg

Mappa della miniera chiusa e i siti da far esplodere

In miniera è una missione secondaria di The Witcher 2: Assassins of Kings, che ottieni nel Capitolo II, sentiero Iorveth.

GuidaModifica

Questa missione richiede un largo uso delle pozioni Gatto, che sono una delle poche alternative possibili nel gioco per vedere nell'oscurità totale. Si consiglia di prepararne diverse, prima di entrare nelle Miniere di Vergen, almeno 6. L'altra alternativa è di alzare il valore di luminosità e gamma del videogioco il più possibile. Inoltre, per completare la missione sono necessarie delle bombe Mitraglia, almeno 3. Una volta che hai preparato il necessario, puoi addentrarti nei sotterranei.

In cerca della pianta Sempreviva nanica, per conto di Philippa Eilhart, Geralt incontra un gruppo di nani all'entrata della miniera, tra cui i suoi amici Zoltan, Yarpen, Sheldon e il sindaco Cecil Burdon. Gli viene spiegato che le Miniere di Vergen sono infestate da demoni putrefatti e conviene che si comprenda quale sia l'origine dei mostri. Puoi svolgere questa missione contemporaneamente con "Vita sotterranea".

Scendi quindi nella miniera accompagnato dagli altri personaggi, che ti daranno una mano ogni volta che c'è da combattere contro le orde di Necrofagi. Ci sono dei bracieri appesi qua là ai sostegni di legno delle gallerie. Conviene che tu li accenda tutti, sia per ricordarti quale galleria hai già percorso, che per fare ritorno in superficie più rapidamente, invece di prendere ogni volta una pozione Gatto. Muoversi all'interno dei tunnel infatti, non sarà per niente facile. Fai attenzione alla minimappa per orientarti.

In pratica, Geralt conclude che l'unico modo per fermare i mostri è di far crollare le gallerie piazzando delle bombe Mitraglia nei punti giusti. Ci sono tre luoghi in cui devono essere sistemate: il primo si trova nel tunnel esattamente a sud dell'entrata principale; il secondo si trova nel tunnel più settentrionale della mappa (è il ramo che punta a nord). L'ultimo si trova nella camera grande e più profonda, all'estremità est della mappa.

Lungo il percorso, preparati per far fronte a svariati gruppi di demoni putrefatti: i mostri esplodono pochi secondi prima di esalare l'ultimo respiro, quindi assicurati di starne bene alla larga. Puoi anche usare dell'Unguento anti-necrofagi e si segni Aard e Igni. Tutto sommato però, lo scontro non è mai particolarmente difficile, specialmente se hai preso la pozione Gatto per vedere nelle tenebre.

Esplorando i tunnel trovi diversi cadaveri di minatori che sono stati uccisi qui, insieme con vari indizi come le mappe di Balin e le pagine del diario di Balin, che ti daranno una spiegazione su quello che è accaduto nella miniera e l'origine dei necrofagi. Una delle camere sotterranee, vicino ad un fuoco da campo, trovi anche il cadavere di Balin: usa il Medaglione dei witcher prima di avvicinarti all'area, perchè il nano ha piazzato diverse tagliole, prima di morire.

Quando arrivi nella camera più profonda, incontri anche un Bullvore insieme con altri demoni putrefatti. E' qui che cresce la Sempreviva nanica. Nonostante le dimensioni e le apparenze, il bullvore non è una sfida minacciosa quanto sembra. E comunque puoi sempre contare sull'aiuto dei tuoi compagni.

Infine, esci dalla miniera dall'entrata principale e torna da Cecil Burdon, che puoi trovare nella sua casa a nord-est di Vergen, per incassare la ricompensa di 50 orens.

Dal diarioModifica

La gente di Vergen lavorava nelle vicine miniere da tempo immemorabile. Tuttavia, gli scavi si erano interrotti quando i mostri avevano iniziato a moltiplicarsi. Scommetto che l'anziano di Vergen, Cecil Burdon, fu assai felice di veder arrivare in città un witcher! Il nano promise una ricca ricompensa per l'uccisione delle bestie che infestavano le gallerie sotterranee.
Geralt scese sottoterra e iniziò a cercare la causa del problema. Scoprì presto che i minatori si erano spinti troppo in profondità, raggiungendo alcune antiche gallerie scavate da creature che non avrebbero mai dovuto vedere la luce del sole. I mostri accedevano alle miniere da alcune brecce nella roccia, e Geralt decise di farle crollare usando le bombe note come Alveari.
I mostri furono sterminati e le brecce che avevano usato per accedere alle miniere crollarono. Al witcher non restava che tornare da Cecil Burdon per riscuotere la ricompensa.
Vergen riconquistò le sue miniere. L'anziano della città si dimostrò compiaciuto e ricompensò il nostro eroe.
Significativi dettagli della trama finiscono qui.

NoteModifica

  • La storia che puoi leggere nei diario di Balin, si riferisce ad un diario in Il Signore degli Anelli, che la Compagnia dell'Anello trova esplorando le miniere di Moria. Le ultime pagine del diario di Balin di The Witcher 2, ricalcano le parole del Libro di Khazad-dùm, scritto dallo stesso Balin, sepolto a Moria.
  • Sempre in una nota di Balin, il nano scrive "scappate, sciocchi!", citazione al film Il Signore degli Anelli.
  • "Il flagello di Durin" menzionato nel libro, era un Balrog. Nel videogioco, nella miniera c'è un Bullvore, nelle profondità dei tunnel.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso