Fandom

Witcher Wiki

Yennefer

3 032pagine in
questa wiki
Crea nuova pagina
Commenti0 Condividi
Yennefer artwork.png

Yennefer e Geralt in TW2

Yennefer di Vengerberg (nata a Belleteyn nell'anno 1173) è una maga che proviene dalla capitale di Aedirn, Vengerberg. E' il membro più giovane della Loggia delle Maghe e il grande amore di Geralt di Rivia. Per Ciri è una figura materna, oltre che una guida e un mentore.

La Signora di Vengerberg era famosa per la sua bellezza. Durante gli eventi nel libro Torre della Rondine ha 94 anni. Suole vestire sempre di nero e bianco, ha occhi viola e capelli corvini e ricciuti e porta sempre un profumo di lillà e uva spina. Yennefer ha un quarto di sangue elfico nella sua genealogia, che fa di lei una Quarterone.

La maga ha un carattere decisamente volubile, capriccioso e testardo. Il rapporto che ha con Geralt di Rivia infatti è terribilmente burrascoso, fatto di liti spesso furenti e di lunghi periodi di lontananza tra i due. Infine la coppia si sposa in una cerimonia altrettanto vivace, secondo gli eventi descritti nel racconto "Qualcosa finisce, qualcosa comincia".

Durante la Battaglia di colle Sodden fu accecata da Fringilla Vigo, una maga Nilfgaardiana. La sua vista però fu magicamente ripristinata.

Come molte maghe, Yennefer è sterile. Segretamente ma invano, cerca un modo per risolvere questo problema, attraverso ogni mezzo possibile, come nel racconto "L'ultimo desiderio", dove cercò di intrappolare un genio. Per questo motivo, riempie di amore materno la piccola Ciri, la bambina destinata a Geralt sin dalla sua nascita, secondo Legge della Sorpresa.

Yennefer è anche consigliera il Re Demawend di Aedirn e un'amica di Triss Merigold. Alla fine della saga Witcher, darà la sua vita per salvare quella del suo grande amore, Geralt.

La sua prima apparizione è racconto "L'ultimo desiderio", ma successivamente diventa uno dei personaggi principali della saga Witcher. Compare inoltre nei racconti "Il limite del possibile", "Una scheggia di ghiaccio", "La spada del destino" e "Qualcosa di più", della raccolta La Spada del Destino.

The Hexer film e serie TV

Yennefer z filmu.jpg

Yennefer nel film The Hexer

In The Hexer (film e serie tv) Yennefer è interpretata da Grażyna Wolszczak.

Nel videogioco The Witcher

Nel videogioco si fanno numerosi riferimenti a Yennefer nei dialoghi, tuttavia questo personaggio non compare mai.

  • Nella Locanda delle Campagne di Vizima, Geralt parla con un bardo che gli racconta di Dandelion e della sua ballata il Lupo Bianco, nella quale "Geralt si sposò con una maga e vissero da qualche parte su isole felici."
  • All'inizio del Capilo III, Triss racconta a Geralt che "l'ultima volta che (Triss) mi sono sentita in questo modo, (Geralt) e una maga giocavate con un genio.", riferendosi agli eventi narrati in "L'ultimo desiderio".
  • Nel Capitolo IV, il locandiere della Locanda di Acque Oscure parla a Geralt di Ciri. Dice che una maga che Geralt amava tentò di rianimarlo ma morì durante il procedimento.
  • Se Geralt sceglie Triss come madre adottiva per Alvin nel Capitolo III e risponde a Re Foltest, quando gli viene domandato della sua relazione, che è innamorato di Triss, la missione "Identità" si aggiorna in questo modo: "La mia amnesia mi impedisce di ricordare il nostro rapporto nel passato, ma ho l'impressione di aver amato una maga una volta, intensamente...", riferendosi appunto a Yennefer.

In The Witcher 2: Assassins of Kings

La presenza di Yennefer non è confermata neppure in questo secondo capitolo del videogioco di CD Projekt, tuttavia, la maga compare in alcune sequenze cinematiche narrative.

Note

  • La foto di Yennefer (cosplay) è stata gentilmente concessa da Olga (Love-Squad), che interpreta la nostra maga.

Galleria

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki casuale